La borsa della Tailandia lancia la piattaforma di crowdfunding basata su blockchain

La borsa della Tailandia lancia la piattaforma di crowdfunding basata su blockchain

Segnalando il tentativo di fornire una nuova via di finanziamento per le startup nazionali la Borsa della Tailandia ha annunciato il lancio di un mercato di crowdfunding basato su blockchain.

La nuova piattaforma, nota come “LiVE“, è descritta come un completo ecosistema di avvio, incluso l’educazione alla gestione aziendale per startup e imprenditori PMI e l’assistenza nel collegamento con investitori istituzionali e accreditati.

L’annuncio ha spiegato che otto società hanno preso la decisione di partecipare finora a Live ed altre 50 aziende sono in procinto di aderire.
Il presidente thailandese Kesara Manchusree ha spiegato il suo entusiasmo per la piattaforma come

“un meccanismo chiave per contribuire a portare avanti la crescita della Thailandia, in particolare consentendo alle startup e alle PMI di avere più accessi finanziari attraverso il crowdfunding. Le aziende possono utilizzare LiVE per promuovere un gruppo target più ampio mentre utilizzano [la] partnership per espandere la [nostra] base di clienti.”

Il governo thailandese potrebbe abbracciare Blockchain, ma i guadagni criptati sono tassati pesantemente, CoinDesk ha riferito che la borsa valori della Tailandia aveva annunciato in origine che stavano progettando di costruire una piattaforma di crowdfunding a marzo dello scorso anno ed all’annuncio, 600 aziende hanno manifestato interesse a partecipare.

Il metodo di crowdfunding basato su blockchain non è la stessa cosa di un ICO, questa è una distinzione importante, in quanto il governo thailandese ha imposto pesanti tasse sulla pratica.

Due imposte su ICO aumentano il 22% delle entrate, le entità che negoziano solo beni digitali attraverso le borse (tecnicamente senza alcuna plusvalenza), pagheranno solo un’IVA del 7%.

Alla fine di marzo, il governo thailandese ha approvato un progetto di decreto per regolamentare in modo completo le criptovalute e le Ico, a quel tempo, il Ministro delle Finanze Apisak Tantivorawong disse alla Royal Gazette che la nuova legge che regola globalmente le criptovalute ei gettoni digitali è necessaria per prevenire il riciclaggio di denaro, l’elusione fiscale e un crimine.

La nuova legge non intende proibire le criptovalute, le offerte di monete (ICO) o altre traduzioni relative ai beni digitali, ma vuole proteggere gli investitori.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto